News

"Giustizia in bilico - I percorsi di innovazione giudiziaria: attori, risorse, governance"

 

 

Venerdi 8 novembre 2013, ore 15:00 - 17:30

Sala Arengario
Tribunale di Napoli

 

 Saluti d'apertura:
Antonio Buonaiuto, Presidente della Corte d'Appello

Vittorio Martusciello, Procuratore Generale

Carlo Alemi, Presidente del Tribunale di Napoli

Giovanni Colangelo, Procuratore della Repubblica di Napoli

Francesco Caia, Presidente Consiglio Ordine Avvocati di Napoli

Massimo Marelli, Rettore  Federico II Napoli



Presentazione del libro
Mariano Sciacca,
componente C.S.M.

 

Intervento
Michele Vietti, Vice Presidente CSM


Tavola rotonda:
coordina e modera Giuseppina Casella, Componente CSM



Intervengono:
Luigi Birritteri, Capo DOG ministero di Giustizia

Raffaele Sabato, Componente Comitato direttivo Scuola Superiore della Magistratura

Antonio Mungo, Direttore Generale Ufficio Speciale Napoli

Giovanni Melillo, Procuratore della Repubblica aggiunto presso il Tribunale di Napoli

Antonella Ciriello, Giudice del Tribunale di Napoli

Roberto Arcella, Avvocato del Foro di Napoli

 

All'iniziativa ha aderito il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Napoli.

Gli avvocati partecipanti avranno riconosciuti i crediti formativi.

 

I diritti editoriali saranno interamente devoluti a LIBERA: ASSOCIAZIONI, NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE.

.....................................................

 

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

                                                    giustizia_in_bilico

 

GIUSTIZIA IN BILICO - I PERCORSI DI INNOVAZIONE GIUDIZIARIA:
ATTORI,
RISORSE, GOVERNANCE

a cura di Mariano Sciacca, Luca Verzelloni e Grazia Miccoli


Nel momento attuale di profonda crisi economica, politica e sociale, praticare e favorire i percorsi di efficienza e innovazione della Giustizia italiana rappresenta una necessità essenziale per evitare che la bilancia, sempre in bilico, non sia schiacciata dal peso di inefficienze, corporativismi e mancanza di progettualità. Questo volume, frutto del dialogo a più voci fra autori di diversa provenienza culturale e professionale, intende accantonare slogan e ideologismi, per riflettere criticamente, in ottica progettuale, sui percorsi d'innovazione che da anni investono il sistema giudiziario del nostro Paese. Informatica e statistica giudiziaria, best practices e riorganizzazione dei servizi, processo civile telematico, convenzioni tra uffici giudiziari ed enti locali, rendicontazione sociale e certificazioni di qualità degli uffici giudiziari, reingegnerizzazione del Ministero della Giustizia e del sistema informativo del C.S.M., protocolli di udienza tra giudici, personale di cancelleria e avvocati rappresentano una scommessa plurale che si gioca a livello locale e nazionale per migliorare la Giustizia italiana. Innovazione che richiedevolontà politica, capacità di progettare sul lungo periodo e, soprattutto, voglia di scommettere in una Giustizia di qualità che sia volano economico e strumento di democrazia.

Intervento di saluto di Paola Severino.
Presentazione di Michele Vietti.
Postfazione di Ivan Lo Bello.
Contributi di Mario Barbuto, Fabio Bartolomeo, Luigi Birritteri, Luciana Breggia, Claudio Castelli, Antonella Ciriello, Sebastiano Di Guardo, Bruno Di Marco, Barbara Fabbrini, Daniela Intravaia, Giovanni Melillo, Grazia Miccoli, Antonio Mungo, Filippo Pappalardo, Daniela Piana, Livia Pomodoro, Simone Rossi, Carlo Sabatini, Raffaele Sabato, Mariano Sciacca, Cuno Jakob Tarfusser, Giancarlo Vecchi, Luca Verzelloni, Giovanni Xilo.


AUTORI

MARIO BARBUTO, Presidente della Corte d'appello di Torino.
FABIO BARTOLOMEO, Direttore generale Direzione di statistica del Ministero della giustizia.
LUIGI BIRRITTERI, Capo Dipartimento dell'organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi del Ministero della giustizia.
LUCIANA BREGGIA, Giudice del Tribunale di Firenze.
CLAUDIO CASTELLI, Presidente aggiunto Ufficio GIP presso il Tribunale di Milano.
ANTONELLA CIRIELLO, Giudice del Tribunale di Napoli.
SEBASTIANO DI GUARDO, Ricercatore Fondazione IRSO.
BRUNO DI MARCO, Presidente del Tribunale di Catania.
BARBARA FABBRINI, Giudice del Tribunale di Firenze.
DANIELA INTRAVAIA, Direttore generale Direzione per i sistemi informativi  automatizzati del Ministero della giustizia.
IVAN LO BELLO, Vicepresidente di Confindustria.
GIOVANNI MELILLO, Procuratore della Repubblica aggiunto presso il Tribunale di Napoli.
GRAZIA MICCOLI, Magistrato addetto alla segreteria del Consiglio Superiore della Magistratura.
ANTONIO MUNGO, Vice Capo Dipartimento dell'organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi del Ministero della giustizia.
FILIPPO PAPPALARDO, Consulente in informatica giudiziaria applicata.
DANIELA PIANA, Docente di Scienza politica presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell'Università di Bologna.
LIVIA POMODORO, Presidente del Tribunale di Milano.
SIMONE ROSSI, Consulente in organizzazione.
CARLO SABATINI, Giudice del Tribunale di Roma.
RAFFAELE SABATO, Componente del Comitato Direttivo della Scuola Superiore della Magistratura.
MARIANO SCIACCA, Consigliere del Consiglio Superiore della Magistratura.
PAOLA SEVERINO, Ministro della Giustizia.
CUNO JAKOB TARFUSSER, Giudice della Corte Penale Internazionale, già Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bolzano.
GIANCARLO VECCHI, Docente di Analisi delle politiche pubbliche presso il Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano.
LUCA VERZELLONI, Direttore del Centro per l'Organizzazione, il Management e l'Informatizzazione degli Uffici Giudiziari (COMIUG) e Assegnista di ricerca del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell'Università di Bologna.
MICHELE VIETTI, Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura.
GIOVANNI XILO, Esperto di organizzazione giudiziaria.

EDITORE: Aracne Editrice

 

INDICE

Intervento di saluto - Paola Severino
Presentazione - Michele Vietti
Prefazione: Giustizia manageriale e tecnologia al tempo della grande crisi:
accettare la sfida per promuovere una giustizia di qualità - Mariano Sciacca Guidelines per la promozione dell'innovazione nel sistema giudiziario italiano - Mariano Sciacca, Luca Verzelloni

Parte I - Governance giudiziaria

Governo autonomo della magistratura e organizzazione consiliare. Il piano di
reingegnerizzazione del sistema informativo del CSM. Prime riflessioni - Mariano Sciacca.
L'esperienza del Tavolo Paritetico C.S.M.-Ministero della giustizia. Prove di dialogo per una nuova lettura dell'art. 110 della Costituzione - Mariano Sciacca Al servizio dell'(auto)governo dell'organizzazione giudiziaria. Nascita ed evoluzione della Struttura Tecnica per l'Organizzazione - Grazia Miccoli, Mariano Sciacca, Luca Verzelloni
Dal governo dell'organizzazione statica al governo dell'organizzazione dinamica. Dalla disciplina sul sistema tabellare a quella sui programmi di gestione - Grazia Miccoli
Innovazione giudiziaria tra carenza di risorse e pianificazione nazionale.
Il ruolo del Ministero della giustizia - Luigi Birritteri
Se il pelide Achille risiedesse a Palazzo Marescialli. . . Centro di governo, periferie ed entropia informativa - Daniela Piana

Parte II - Giustizia, organizzazione e territorio

Il piano strategico ed il tavolo per la giustizia di Milano - Claudio Castelli
Gli osservatori e i protocolli civili - Luciana Breggia
I protocolli d'udienza - Carlo Sabatini
La volontaria giurisdizione: un'occasione d'innovazione sistemica nei servizi di giustizia per il cittadino - Sebastiano Di Guardo, Luca Verzelloni
Convenzioni e collaborazioni tra enti locali. L'ufficio per il processo - Barbara Fabbrini
Best practices e Fondo Sociale Europeo - Antonio Mungo

Parte III - Innovazione giudiziaria e tecnologie

e-Government per la giustizia. Il miglioramento della qualità dell'informatica giudiziaria - Daniela Intravaia
L'informatica come vettore di innovazione organizzativa della giustizia: il caso del Processo Civile Telematico - Giovanni Xilo
Riflessioni sull'implementazione del Processo Telematico e il cambiamento organizzativo degli uffici giudiziari - Simone Rossi
Tecnologie ed organizzazione dell'ufficio del pubblico ministero - Giovanni Melillo
Il magistrato e la tecnologia - Antonella Ciriello
L'avvocato da cliente a utente-partner della giustizia. La sfida dei mercati e l'innovazione tecnologica - Filippo Pappalardo

Parte IV - Performances della giustizia tra programmazione e standard

Buone pratiche per l'efficacia e l'efficienza di un'organizzazione giudiziaria modernizzata e indipendente. Le elaborazioni degli organismi specializzati del Consiglio d'Europa - Raffaele Sabato
La statistica giudiziaria. Origini, ruolo attuale e prospettive evolutive - Fabio Bartolomeo
Valutazione delle performance organizzative e accountability negli uffici giudiziari - Giancarlo Vecchi
Court management. Il Programma Strasburgo. Prima esperienza italiana di gestione responsabile del contenzioso civile - Mario Barbuto

Parte V - Dirigenza degli uffici giudiziari

Decalogo del capo dell'ufficio giudiziario - COMIUG (a cura)
Il Procuratore della Repubblica. Una figura sospesa tra tutela della legalità, obbligatorietà dell'azione penale ed efficienza del servizio - Cuno Jakob Tarfusser
Dirigenza giudiziaria e innovazione lungo la penisola. L'esperienza del Tribunale di Milano - Livia Pomodoro
Crisi degli uffici giudiziari, innovazione e giustizia - Bruno Di Marco Postfazione - Ivan Lo Bello

CITAZIONI

"Se mi è consentita la metafora, mi pare che tra questo Consiglio ed il Ministero sia ormai aperto un vero e proprio cantiere, dove si lavora, in piena e leale collaborazione, per la soluzione di non pochi problemi e per l'avvio di importanti riforme. Un cantiere che si arricchisce ogni giorno di nuove proposte, nella consapevolezza che le soluzioni condivise sono quelle che garantiscono le maggiori possibilità di successo in un settore ove, assai spesso, interventi e riforme anche imponenti hanno deluso le aspettative". Dall'Intervento di saluto di Paola Severino già Ministro della Giustizia.

"La magistratura del terzo millennio non può più essere chiusa nella sola - per quanto fondamentale - visione statica di potere dello Stato, ma deve comprendere che la sua autorevolezza sta anche e soprattutto nel garantire ai cittadini un servizio efficiente".
Dalla Prefazione di Michele Vietti Vicepresidente del C.S.M.

"Il sistema giudiziario è non solo parte integrante, ma è la pietra angolare della società civile, perché è l'ecosistema in cui le imprese operano, i diritti degli individui sono tutelati e le funzioni amministrative trovano attuazione. In quest'ottica, il suo corretto funzionamento costituisce una delle condizioni necessarie per garantire il vivere ordinato e favorire lo sviluppo dell'economia".
Dalla Postfazione di Ivan Lo Bello Vicepresidente di Confindustria.