News

Parere ANM su Responsabilità civile dei magistrati

                              - COMMISSIONE DI DIRITTO E PROCEDURA CIVILE  -


25 febbraio 2015 - 1.    La legge 117/88 e le proposte di riforma.

Le disposizioni legislative in tema di responsabilità civile dei magistrati devono necessariamente conciliare due opposte esigenze: per un verso, la necessità di garantire ristoro ai soggetti lesi dall'attività gravemente negligente dei magistrati; per altro, la imprescindibile necessità di preservare l'esercizio dell'attività giurisdizionale da ogni indebito condizionamento esterno.
Tale ultima necessità costituisce una prerogativa ascrivibile al corretto esercizio della funzione giurisdizionale, la cui essenza è quella di tutelare la collettività e di assicurare la parità di trattamento e l'uguaglianza (art. 3 Cost.) tra i cittadini, senza consentire deviazioni significative dal principio di legalità e di corretta amministrazione della giustizia.
L'attuale impianto della Costituzione (ivi comprese le norme sulla funzione giurisdizionale) trova il suo fulcro in un concetto ideale di giustizia, svincolato dagli interessi egoistici della parte con maggiore forza economica o politica.
Tale considerazione preliminare ben si lega alla "ratio" delle disposizioni legislative sulla responsabilità civile dei giudici, le quali assolvono ad una funzione tipicamente risarcitoria, ma non sanzionatoria, giacché l'ordinamento regola, con specifiche disposizioni di legge, gli ulteriori aspetti sanzionatori, disciplinari e contabili relativi all'esercizio della funzione giurisdizionale.
Non a caso, l'analisi del diritto comparato, consente di verificare come negli altri ordinamenti europei sia ben tutelata la funzione giurisdizionale, esimendola dal rischio di azioni intimidatorie o strumentali senza frapporre anomale commistioni tra profili meramente riparatori e profili sanzionatori-disciplinari.
Negli ordinamenti stranieri, al pari dell'Italia, l'accertamento della responsabilità civile del magistrato è un fatto eccezionale e rari sono i casi in cui il magistrato è stato sottoposto al giudizio di responsabilità; ciò evidenzia, ancor più, come le limitazioni siano insite nella peculiarità della funzione giurisdizionale.
Si pensi alla legge fondamentale tedesca (Grundgesetz - CG), che all'art. 34, prevede la responsabilità dello Stato (Federazione o Land) in caso di violazione dei doveri della funzione da parte di un giudice .  La responsabilità è dunque indiretta ed è prevista dall'art. 839 del codice civile (Bugerliches Gesetzbuch - BGB) rispetto alla quale opera il criterio di imputazione (allo Stato) stabilito dall'art. 34 CG.
Lo stesso meccanismo opera in Francia ove la peculiarità della funzione giurisdizionale ha, da sempre, imposto una cautela speciale nella previsione della responsabilità di coloro che la esercitano. In tale stato viene avvertita fortemente l'esigenza di preservare i magistrati dal moltiplicarsi delle azioni legali di risarcimento  da parte di soggetti insoddisfatti delle decisioni giudiziarie.
Nel Regno Unito, pur gravando sui magistrati una generale responsabilità per il loro operato, ciò tuttavia non comporta una indifferenziata applicazione delle norme comuni in materia di responsabilità per fatto illecito.
Vige, in tale paese, il principio dell'esonero dalla responsabilità civile del magistrato per gli atti compiuti nell'esercizio delle sue funzioni (principio radicato nel common law) tradizionalmente inteso come presidio a tutela dell'indipendenza della magistratura nel suo complesso (cfr. precedente giurisprudenziale rilevante Sirros v Moore) .
Ne consegue che, in tale ottica, anche comparata, non appare produttivo impostare il dibattito esclusivamente sulla ristrettezza dei casi di responsabilità accertati e definiti nell'arco di poco più di un ventennio poiché l'impropria equazione tra la ristrettezza dei casi di responsabilità e l'impianto deficitario della legge di responsabilità non costituisce una buona base di partenza per verificare le possibili ipotesi di modifica legislativa.
Va poi aggiunto che la previsione di un meccanismo risarcitorio per i danni cagionati da colpa grave del magistrato nell'esercizio delle funzioni, laddove fosse configurabile in termini di libera azionabilità da parte di ogni cittadino non soddisfatto dell'esito processuale, comporterebbe una sicura vulnerabilità dell'intero sistema giudiziario, che verrebbe ad essere inutilmente appesantito da controversie risarcitorie rivelatesi, nella maggior parte dei casi, speculative o addirittura pretestuose.
A tali controversie, peraltro, mai potrebbe essere attribuita una valenza di controllo e di correzione dell'attività giurisdizionale, trattandosi, come già detto, di un meccanismo destinato ad operare nelle ipotesi eccezionali e nella insufficienza degli altri rimedi di controllo approntati dall'ordinamento, dei quali dovrebbe esserne potenziata l'operatività e la funzionalità.
L'attuale dibattito sulla legge di responsabilità civile del magistrato è animato da plurime correnti di pensiero che sollecitano, oltre ad una funzione compensativa e di ristoro del danno, anche una funzione di tipo preventivo-punitivo volta a conformare l'agire del magistrato, quasi a voler attribuire alla legge sulla responsabilità civile un ruolo che esula dal suo reale ambito, sino a conferirle una capacità di immediata reazione a fronte all'operato della magistratura.
L'approccio al tema non può essere basato sulla veemenza delle argomentazioni ma richiede pacatezza e senso di responsabilità anche mediante uno studio accurato della giurisprudenza; solo tale approccio consentirà di valutare appieno l'impianto processuale della legge e gli esiti del filtro preventivo di ammissibilità (cfr. art. 5 l. 117/88), del quale si sollecita l'abolizione.

2.    L'impianto procedurale della legge ed il filtro preventivo di ammissibilità (le ragioni dell'istituto).

La mancata previsione di un'azione diretta e l'adozione di taluni filtri (quali l'azione verso lo stato; la preventiva verifica di ammissibilità; la c.d. clausola di salvaguardia) costituisce una conseguenza necessaria del dettato costituzionale a garanzia dell'indipendenza della funzione giurisdizionale.
La giurisprudenza costituzionale (in particolare la sentenza che ha dichiarato ammissibile il referendum) ha imposto dei vincoli al legislatore ordinario, evidenziando che la disciplina della responsabilità civile dei magistrati deve necessariamente optare per scelte compatibili con la costituzione "in quanto la peculiarità delle funzioni giudiziarie e la natura dei relativi provvedimenti suggeriscono condizioni e limiti alla responsabilità", "specie in considerazione dei disposti appositamente dettati per la magistratura (art. 101 e 113), a tutela della sua indipendenza e dell'autonomia delle funzioni"  (sentenza n. 26/1987).
Ne consegue che l'attuale impianto della legge tiene conto di tali peculiarità, regolando l'esercizio dell'azione mediante esplicito richiamo alle norme ordinarie del processo civile quale sintomo di garanzia, non solo sostanziale, ma anche procedurale.
Il giudice istruttore designato dal presidente del tribunale  -previa verifica della regolare costituzione delle parti- è tenuto a rimetterle davanti al collegio, che, in camera di consiglio, effettuerà la delibazione in merito alla ammissibilità della domanda mediante l'accertamento di conformità ai presupposti indicati nell'art. 2 della legge (c.d. filtro preliminare di ammissibilità).
Il filtro preliminare può concludersi con una decisione di ammissibilità, di inammissibilità ovvero di inammissibilità per manifesta infondatezza.
Il tribunale infatti dovrà verificare (con decreto motivato) tutta una serie di condizioni, ovvero l'osservanza dei termini fissati a pena di decadenza per l'esercizio dell'azione, l'esistenza dei presupposti indicati dall'art. 2, 3 e 4 della legge, nonché la non manifesta infondatezza della domanda.
Laddove il tribunale ritenga l'ammissibilità della domanda, va disposta la prosecuzione del processo con contestuale rimessione delle parti al giudice istruttore.
Parimenti, viene disposta la trasmissione di copia degli atti ai titolari dell'azione disciplinare per attivare anche il procedimento disciplinare.
Il giudizio relativo al filtro preliminare di ammissibilità, nel suo attuale impianto, è nato dalla esigenza di troncare sul nascere le azioni pretestuose e "ictu oculi" infondate così da non screditare inutilmente la magistratura ed i suoi membri.
Infine, va considerata la circostanza che il filtro preliminare è strumento atto a consentire una adeguata verifica circa l'esistenza delle condizioni legittimanti l'azione giacché, per sua stessa essenza, il provvedimento giurisdizionale è destinato ad accontentare una parte ed a scontentare l'altra, rendendo costante, nei casi di azione indiscriminata, il rischio di ritorsione e di strumentalizzazione della lite a fini meramente egoistici.

3.    L'esame della giurisprudenza relativa al filtro di ammissibilità.

Da una accurata analisi giurisprudenziale condotta sul territorio nazionale ed in particolare presso alcuni tribunali metropolitani (Milano; Brescia; Firenze; Roma; Napoli; Perugia; Catania; Catanzaro) risulta evidente, ad un raffronto dei dati statistici, che le azioni intraprese sono in numero piuttosto esiguo.
Ad esempio, presso il tribunale di Milano, che pure giudica altro distretto di notevoli dimensioni, le azioni di responsabilità incardinate sono state all'incirca una o due all'anno; lo stesso dicasi per il tribunale di Firenze, ove dal 2001 ad oggi, le cause aventi ad oggetto la responsabilità civile dei giudici sono state solo in numero di dieci. Il dettaglio, partendo dalla iscrizione più recente, è il seguente:
1 causa iscritta nell'anno 2011 trasmessa per competenza al tribunale di Genova;
1 causa iscritta nell'anno 2007 è stata cancellata dal ruolo nel 2009;
1 causa iscritta nell'anno 2006 è stata definita con sentenza n. 837/2011;
1 causa iscritta nell'anno 2006 è stata definita con sentenza n. 2183/2007;
3 cause iscritte nell'anno 2004, delle quali due sono state dichiarate inammissibili ed una è stata cancellata dal ruolo;
1 causa iscritta nell'anno 2003 è stata definita con sentenza n. 399/2004;
1 causa iscritta nell'anno 2002 è stata definita con sentenza  n. 1779/2007;
1 causa iscritta nell'anno 2001 è stata definita con sentenza n. 3518/2007
Dal dettaglio si evince che poche sono state le azioni di responsabilità civile incardinate nei confronti dei magistrati con una declaratoria di inammissibilità del 20% sul totale dell'intero e scarsissimo contenzioso, con una percentuale molto bassa della dichiarazione di inammissibilità.
Ne consegue che la maggior parte delle azioni, nel tribunale fiorentino, è stata definita all'esito del giudizio pieno.
Nell'ambito delle azioni proposte quelle che non hanno superato il filtro preliminare di ammissibilità si sono rivelate ab origine palesemente infondate o pretestuose.
Analoghe considerazioni valgono per il tribunale di Roma, nel quale, negli ultimi dieci anni, sono state iscritte circa diciassette azioni di responsabilità civile, delle quali nove dichiarate inammissibili e otto dichiarate ammissibili. Da notare che le dichiarazioni di ammissibilità riguardano controversie tutte incardinate in epoca recente (anni 2011-2012).
Ancora, va notato come, dai dati più recenti, si può rilevare una certa inversione di tendenza ad es nel biennio 2007-2008 si è assistito ad una esplosione dei provvedimenti di accoglimento di talune richieste di responsabilità civile.
Il 2008, con 109 provvedimenti, fa totalizzare più di tutti i procedimenti dei cinque anni precedenti.
In ogni caso, si rivela esiguo il numero dei procedimenti introdotti.
Dalla lettura dei decreti emessi sul territorio nazionale si rileva che le azioni intraprese evidenziano, in modo chiaro, la pretestuosità delle doglianze e, nella gran parte dei casi, si tratta di azioni intentate dalla parte scontenta dell'esito del giudizio, con il fine di intraprendere nuove strade risarcitorie o di recuperare in altro modo gli esiti di un giudizio non favorevole.
Il dato che conferma tale circostanza è quello relativo ad un numero elevato di azioni intraprese senza nemmeno attendere il normale esito dei giudizi di impugnazione.
La raccolta e l'analisi di numerosi decreti ex art. 5 legge 117/1988 ha consentito di verificare che i giudici hanno correttamente impostato e definito l'istituto del filtro e, parimenti, le
domande di responsabilità civile si sono rivelate prive dei requisiti minimi di ammissibilità previsti dalla legge.
Ad es. l'esame dei decreti emessi dal tribunale di Roma (nell'ultimo decennio) - dove esiste una sezione specializzata per esaminare le controversie relative ai rapporti con la pubblica amministrazione (seconda sezione) - ha dimostrato come le pronunce di inammissibilità siano fondate sulla carenza assoluta dei presupposti di ammissibilità riassumibili in tre grandi tipologie:
› Inammissibilità per il mancato esperimento dei mezzi di impugnazione o di opposizione  nelle procedure esecutive (es. mancato esperimento dell'opposizione agli atti esecutivi): numerosa è la casistica delle azioni intentate nella mancanza dei requisiti indicati dall'art. 4, comma 2, della legge n. 117/1988 secondo il quale "l'azione di risarcimento del danno contro lo Stato può essere esercitata soltanto quando siano stati esperiti i mezzi ordinari di impugnazione o gli altri rimedi previsti avverso i provvedimenti cautelari e sommari, e comunque quando non siano più possibili la modifica o la revoca del provvedimento ovvero, se tali rimedi non sono previsti, quando sia esaurito il grado del procedimento nell'ambito del quale si è verificato il fatto che ha cagionato il danno".
Si è potuta constatare l'esistenza di numerose azioni incardinate in violazione del principio sopra menzionato, con utilizzazione dell'azione di responsabilità quale alternativa ai normali rimedi endoprocessuali di tipo impugnatorio ed oppositorio con conseguente intralciamento all'ordinato svolgimento del processo;
› Inammissibilità per avvenuta proposizione della domanda oltre il termine stabilito dalla legge a pena di decadenza:
Numerosa è la casistica di azioni già intentate allo scadere del termine biennale decorrente dalla pronuncia definitiva o ad essa assimilabile (ex plurimis decreto tribunale Roma, sezione seconda civile, 18.2.2008 inedita).
In tali casi, il decreto di inammissibilità giunge all'esito di una semplice constatazione preliminare, la quale evita così il prolungamento di giudizi privi dei necessari requisiti temporali;
› Inammissibilità della domanda ai sensi dell'art. 2, comma 2, della legge 117/1988:
Anche in tal caso, si può constatare l'esistenza di talune decisioni di inammissibilità per l'applicazione della c.d. "clausola di salvaguardia" ("nell'esercizio delle funzioni giudiziarie non può dar luogo a responsabilità l'attività di interpretazione di norme di diritto né quella di valutazione del fatto e delle prove"). Tale ultima previsione tuttavia, come motivato nella gran parte dei decreti esaminati, non potrà spingersi fino a rendere del tutto franca l'attività interpretativa-valutativa, dovendosi invece ritenere che tale attività di interpretazione e valutazione trovi il suo limite innanzitutto "nella grave violazione di legge, determinata da negligenza inescusabile";
› Inammissibilità dell'azione proposta nei confronti di soggetti non legittimati:
Si ravvisano delle azioni incardinate nei confronti di soggetti legittimati ad esempio azioni incardinate nei confronti del Ministero della Giustizia o del Ministero della Difesa con conseguente inammissibilità della domanda (cfr. decisione tribunale Roma, sezione seconda civile, 17.2.2009 inedita).
Invero, l'azione risarcitoria nei confronti dello stato è soggetta al disposto dell'art. 4, comma 1, la cui previsione indica, quale soggetto da evocare in giudizio, il Presidente del Consiglio dei Ministri, rendendo palese l'inammissibilità di tutte quelle ipotesi azionate nei confronti di diversi soggetti istituzionali.
Anche in tale ipotesi, il giudizio di inammisibilità è piuttosto elementare e consiste nella verifica preliminare in ordine al legittimo esercizio dell'azione.
La sottoposizione di tali casi al giudizio a cognizione piena determinerebbe un inutile allungamento dei tempi procedurali per le ipotesi da rimettere al filtro preliminare al fine di utile scrematura iniziale sulla legittimazione dei soggetti evocati in giudizio.
Merita infine di essere segnalato un filone di controversie di grande attualità riguardante i magistrati della Suprema Corte di Cassazione per l'eventualità del c.d. "errore revocatorio" con l'introduzione, di fatto, un quarto grado di giudizio nell'ambito di decisioni che abbiano già esaurito il normale iter processuale e siano state impugnate per revocazione.
Tali azioni, per la gran parte, si sono rivelate prive di ammissibilità giacché il ricorso per revocazione non costituisce altro che una ipotesi di ricorso fondato sui motivi già vagliati dalla Corte con la decisione impugnata.
Ancora, altro filone di attualità è quello volto ad esperire preventivamente il ricorso ex art. 111 Cost. avverso le decisioni della Suprema Corte salvo poi introdurre l'azione di responsabilità civile avverso la relativa decisione di inammissibilità del ricorso straordinario. Tali sono i giudizi nei quali l'inammissibilità viene rilevata sulla base della c.d. manifesta infondatezza, che consente di evitare un ulteriore appesantimento del contenzioso generato dalla creazione di gradi successivi alla decisione della Suprema Corte al fine di rivederne il convincimento attraverso strade processuali alternative.
Dalla lettura dei decreti di inammissibilità (con la casistica varia sopra enunciata nel dettaglio), si rileva l'ampia motivazione e la completezza delle argomentazione a fronte di azioni quasi sempre pretestuose; si evince altresì che il giudizio preliminare di ammissibilità da parte di una sezione specializzata si rivela una scelta opportuna giacché consente una scrematura indispensabile per l'accesso al giudizio, con la prosecuzione dei soli giudizi nei quali non vi siano palesi ragioni di inammissibilità.
Tale esame ha poi consentito di riscontrare un numero ben significativo di decreti di ammissibilità, con la prosecuzione del processo dinanzi al giudice istruttore e con la trasmissione di copia degli atti agli organi titolari dell'azione disciplinare.
Per quanto concerne le violazioni del diritto comunitario è interessante segnalare come la giurisprudenza ha immediatamente recepito le decisioni della Corte di Giustizia, inquadrando le violazioni del diritto comunitario all'interno del procedimento delineato dalla legge 117/1988.
In particolare, dalla accurata lettura di tali decisioni, si evince che la violazione manifesta del diritto comunitario di cui alla giurisprudenza della Corte di giustizia UE è stata ricondotta alle ipotesi di "colpa grave" ovvero alla "grave violazione di legge, determinata da negligenza inescusabile",  ritenendo che l'attività interpretativa giudiziale che si ponga in palese violazione dei canoni segnati dalla Corte di Giustizia è parimenti assoggettata al sindacato ed alla connessa eventuale responsabilità, con ciò evitando ogni antinomia tra il diritto interno ed il diritto dell'Unione (cfr. ex plurimis decreti tribunale Roma, seconda sezione civile, 18.2.2013 e 19.11.2012).
In proposito, va segnalato che l'interpretazione della legge 117/1988, orientata sulla base del diritto comunitario, ha consentito di emettere un significativo numero di decreti di ammissibilità riguardanti per l'appunto la violazione manifesta delle norme di diritto comunitario.
Siffatta interpretazione ha consentito di rispettare il principio di "effettività" della tutela, più volte richiamato dalla giurisprudenza comunitaria, facendo si che il sindacato in ordine alla ammissibilità della domanda si configuri come strumento "a maglie larghe" destinato, come tale, a precludere l'accesso alla tutela delle sole azioni proposte fuori dai termini e dei presupposti di legge o, "prima facie", infondate, e cioè proposte per ipotesi in cui la denunciata violazione assuma i caratteri della pretestuosità.
Ancora, si deve notare come nel giudizio preliminare di ammissibilità non sia stata effettuata attività di tipo istruttorio.
Tale prassi - anche secondo la dottrina prevalente - si rivela corretta ed adeguata giacché è evidente che quanta più attività istruttoria si consente nell'ambito del "filtro" tanto più si estende l'area della manifesta infondatezza.
Ne consegue che lo strumento del filtro preliminare di ammissibilità e la relativa giurisprudenza formatasi in materia ha dato buona prova in termini di effettività della tutela, assolvendo ampiamente alla funzione di sbarramento per quelle sole azioni prive dei requisiti di ammissibilità o comunque "ictu oculi" manifestamente infondate.
L'esame dei decreti emessi all'esito del vaglio preliminare di ammissibilità consente dunque di formulare un giudizio favorevole sull'attività svolta ai sensi dell'art. 5 legge 117/1988, evidenziando che, nell'intento di riforma della legge sulla responsabilità civile, non appare opportuno intaccare l'istituto dello sbarramento preliminare, che riveste una funzione essenziale di tutela preliminare anche per gli interessi dello Stato.
La valutazione in ordine alla ammissibilità è stata condotta con un giudizio basato sull'evidenza procedurale e documentale ed è stata seguita la buona regola di dichiarare ammissibile la domanda e di consentirne l'esame nelle forme della cognizione piena ogni qual volta si sia ravvisata una situazione di incertezza o di poca evidenza documentale e probatoria.

4.    Conclusione

La conclusione è che la maggior parte dei giudizi di responsabilità incardinati sul territorio nazionale si sono rivelati ictu oculi pretestuosi e senza il rispetto minimo delle condizioni di ammissibilità previste dalla legge.
Il filtro di ammissibilità, così come regolato dall'art. 5 legge 117/1988, ha dunque consentito di operare una utile ed immediata scrematura dei casi azionati (non solo nell'interesse del magistrato ma anche nell'interesse dello Stato convenuto in giudizio in persona della Presidenza del Consiglio dei Ministri)  con una distinzione immediata tra ipotesi speculative e pretestuose ed ipotesi fondate su buone ragioni da far valere nel successivo giudizio a cognizione piena.
Le modalità con cui sono stati condotti i giudizi preliminari di ammissibilità (giudizio a maglie larghe) senza ricorrere ad attività istruttorie, da riservare al giudizio a cognizione piena, ha evidenziato una buona prassi procedurale ed un corretto giudizio in ambito valutativo, come si evince dalle percentuali dei giudizi dichiarati ammissibili ben superiori al 50% delle azioni originariamente incardinate.
Si deve notare altresì come la giurisprudenza, proprio nell'ambito del giudizio preliminare di ammissibilità, ha proceduto all'adattamento della legge sulla responsabilità civile alla normativa dell'Unione Europea ed ha utilmente colmato il presunto vuoto normativo per la violazione manifesta del diritto comunitario, inquadrando tali valutazioni nell'ambito della colpa grave ovvero nella "nella grave violazione di legge, determinata da negligenza inescusabile" e dichiarando ammissibili la gran parte delle azioni fondate su tale capo di responsabilità.
Ne consegue che dovrebbe essere mantenuto il filtro di ammissibilità dall'azione per evitare che il magistrato possa divenire vittima di azioni temerarie o vessatorie o che lo Stato possa essere trascinato inutilmente nel giudizio a cognizione piena con tempi procedurali certamente più lunghi rispetto all'accertamento delle ipotesi di manifesta infondatezza o di inesistenza delle condizioni di ammissibilità.
Tale filtro, correttamente, è stato limitato dalla giurisprudenza ad un primissimo controllo di ammissibilità dell'azione e la sua eventuale eliminazione non avrà l'effetto di modificare sostanzialmente l'impianto della legge sulla responsabilità civile giacché la tipologia delle azioni dimostra come, nella maggior parte dei casi, le parti abbiano voluto trovare una scappatoia a giudizi definiti con esito non favorevole ovvero ad incardinare azioni nella pendenza dei mezzi di impugnazione, con l'unico intento di trovare soluzioni alternative al giudizio di impugnazione.
Si ribadisce pertanto il fermo convincimento circa la utilità dell'istituto del filtro, dovendosi rimarcare come l'effettività della tutela non venga affatto intaccata da tale istituto per le considerazioni già espresse ampiamente in tale disamina giurisprudenziale.
Non può essere ritenuta valida l'equazione che abbina il filtro preliminare alla carenza di tutela del soggetto danneggiato giacché i dati statistici hanno dimostrato il contrario ovvero che, negli ultimi ani, vi è stato un numero elevato di decreti di ammissibilità e che i decreti di inammissibilità, per converso, sono giustificati dalla evidente pretestuosità dell'azione incardinata.
In conclusione, la legge sulla responsabilità civile non può rappresentare uno strumento di controllo e di correzione dell'attività giurisdizionale, esulando dall'ambito suo proprio, bensì può funzionare correttamente solo nelle ipotesi eccezionali ovvero di insufficienza degli altri rimedi apprestati dall'ordinamento (penali, disciplinari e contabili).
Ne consegue l'inadeguatezza di un impianto normativo che sia congegnato per svolgere essenzialmente funzione sanzionatoria, essendo maggiormente atta - in tale ambito - l'azione disciplinare volta per sua natura a regolamentare e correggere le azioni negligenti (oltre che quelle dolose) del magistrato.
In tale impianto, l'istituto del filtro preliminare trova il suo logico inserimento per una tutela degli interessi del singolo magistrato e dello Stato ed alcun beneficio, in termini di effettività della tutela, deriverà dalla sua abolizione.

Scarica il pdf