News

Proposta di risoluzione della VII Commissione CSM relativa alla nuova disciplina dell’avocazione

La Giunta Esecutiva Centrale ritiene che la proposta di risoluzione della VII Commissione relativa alla nuova disciplina dell'avocazione - che il Consiglio Superiore della Magistratura si appresta ad approvare - sia un apprezzabile lavoro di normazione secondaria riguardante le misure organizzative degli uffici requirenti. La proposta in esame contribuisce in modo significativo, unitamente ai criteri orientativi e buone prassi in materia di avocazione fissati con provvedimento del 24.4.2018 dal Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, a ridurre gli imponenti effetti negativi sul sistema del processo penale, più volte segnalati dall'Associazione Nazionale Magistrati, conseguenti alla modifica degli artt. 407 c. 3 bis e 412 c.p.p. per effetto della L. 103/2017.

La proposta di risoluzione, peraltro, è in linea con le osservazioni e le preoccupazioni contenute nel parere espresso dall'ANM in merito  al DDL S-2067 sulla base del lavoro svolto dalla commissione permanente di studio sul diritto e processo penale.

Risulta condivisibile l'impostazione che la VII Commissione del CSM ha inteso imprimere agli aspetti nevralgici connessi alle nuove norme e alle loro possibili conseguenze, ed in particolare si ritiene apprezzabile:

l'affermazione che l'applicazione dell'istituto debba ispirarsi ad una sinergica cooperazione tra uffici giudiziari e non debba avere alcuna connotazione gerarchico-sanzionatoria (sotto tutti i profili, ivi compreso quello relativo all'accesso alle informazioni); la conferma circa la natura meramente facoltativa della avocazione;la natura di assoluta extrema ratio, ancor più rafforzata rispetto agli altri casi, della avocazione per i procedimenti di cui all'art. 407 comma 2) lett. a) n. 1, 3 e 4 c.p.p. (in primis quelli di criminalità organizzata e terrorismo);la assoluta necessità che l'applicazione al procedimento avocato del magistrato requirente di primo grado - definita misura di natura straordinaria ed eccezionale, con obbligo di specifica motivazione da parte del procuratore generale - sia subordinata al parere obbligatorio e vincolante del procuratore della Repubblica;l'esclusione di ogni possibile risvolto e finalità di tipo disciplinare, paradisciplinare e di verifica delle modalità di conduzione delle indagini.

Inoltre, si concorda con l'impostazione consiliare in ordine al carattere centrale e nevralgico dell'interpretazione della dizione "termine massimo di durata delle indagini preliminari" cui fa riferimento l'art.  407, comma 3-bis, c.p.p.

L'interpretazione di questo profilo ha un immediato e assai significativo impatto sulla operatività dell'istituto come riformulato e, conseguentemente, sull'organizzazione degli uffici requirenti.

L'opzione ermeneutica che si ritiene di condividere è quella del c.d. "termine in astratto", secondo cui detto termine debba essere individuato in quello massimo previsto dall'art. 407 c.p.p., fissato in 18 mesi (comma 1) o 24 mesi (comma 2), indipendentemente dalla richiesta e/o concessione delle proroghe, che rileva, è bene sottolinearlo, solo ai fini dell'utilizzabilità degli atti compiuti.

Roma, 9 maggio 2018
La Giunta Esecutiva Centrale ANM