All’esito delle elezioni per il rinnovo del comitato di coordinamento dell’ANM

Ringraziamo tutti i colleghi, candidati ed elettori, che con la loro disponibilità e il loro voto sostengono e consolidano il percorso di autocritica e reale rifondazione di Unità per la Costituzione, nonché gli ottanta colleghi che vi stanno contribuendo con assidua partecipazione ai lavori dell’Assemblea Costituente per il Futuro .   

Ci confortano  i  risultati  elettorali delle elezioni del Comitato Direttivo Centrale,  che vedono espressi 1212 voti, pari al 20% dei suffragi validi,  in favore della lista di Unità per la Costituzione – Un Nuovo Inizio, pari a sette seggi.    

Il risultato elettorale evidenzia come tanti magistrati italiani  guardino alla bipolarizzazione del panorama associativo come a un rischio piuttosto che a una opportunità, ritenendo invece prioritario promuovere il pluralismo culturale e una azione associativa equilibrata e autorevole, senza collateralismi, che non solo sia, ma anche appaia imparziale rispetto agli schieramenti politici.

Ringraziamo per il lavoro svolto tutti i componenti di Unità per la Costituzione del CDC uscente, nonché in particolare quanti abbiano ricoperto incarichi nella Giunta Esecutiva Centrale e nell’Ufficio Sindacale, per il contributo  assicurato  all’azione associativa  di assoluta serietà, responsabilità e competenza,  da ultimo in una fase molto difficile per la magistratura italiana.

Auguriamo buon lavoro ai nuovi componenti del CDC, di Unità per la Costituzione e degli altri gruppi associativi, certi che da parte di tutti vi sarà il massimo impegno per una azione associativa credibile e autorevole nei confronti  dei cittadini e delle Istituzioni.

Unità per la Costituzione, alla luce del complessivo esito della votazione e della composizione del nuovo CDC,  valuterà con attenzione le proposte programmatiche formulate dagli altri gruppi associativi. 

        Il Presidente                                                       Il Segretario Generale
Mariano Sciacca                                                       Francesco Cananzi

Condividi su facebook
Condividi su twitter